Ripetitori “FANTASMA”

Quante volte capita di andare su ponti e non ascoltare nessuno magari sporadicamente i soliti “ignoti” di qualche associazione nota (ahimè!) e magari logisticamente posizionati in punti strategici! Questo è allarmante perchè  è come in un negozio quando dentro non ci va nessuno proprio perchè non cè nulla di interessante affinchè possa attirare l’attenzione e quindi la curiosità della gente!! Così anche questi ponti “FANTASMA”. Gli utenti sono stufi di sentire i soliti “ignoti”…. vogliono la differenza  e quindi sentire gente diversa, che si diverte, che parla di discorsi di vario genere. La radio è una passione DI TUTTI e come tale và vissuta in COOPERAZIONE CON TUTTI. E’ anche vero che predomina ancora una mentalità retrogada in alcuni che porta a queste situazioni “misere”…Senti dire ancora “NO noi siamo gli unici e soli….noi di qua …e  noi di la ma che poi in sostanza risultati ZERO SPACCATO. Non sono per un lavoro di gruppo nè tanto meno nel condividere la passione della radio con tutti i radioamatori. I migliori risultati e le più grandi soddisfazioni si ottengono grazie ad un “LAVORO di SQUADRA”, collaborazione etc etc. Il fatto è che qualcuno ancora ai tempi di oggi soffre di “protagonismo” che incosciamente lo riduce come una formica nel suo essere e lo fa apparire agli occhi di tutti piccolo piccolo! Per la fortuna della “RADIO” le altre Associazioni pianificano assieme ad altre per migliorare i propri ripetitori, estendere i propri confini e vivere quest’interesse assieme, e quindi  successi dopo successi e grandi soddisfazioni!

Franco

Chi mi conosce sa. Chi non mi conosce giudica. Chi pensa di sapere tutto di me si illude! Io sono me stesso PUNTO!Mi opprime la malvagità umana. La prevaricazione universale da cui mi sento schiacciato. La gente considera solo il denaro, disposta a prostituirsi. La molla di tutto ciò non è il semplice lavoro finalizzato a garantire il necessario, bensì la vanità e il raggiungimento dei mezzi per realizzarla, pur di sentirsi al di sopra degli altri, spesso ricorrendo a mezzi ignobili per far sprofondare nelle sabbie mobili gli altri quando la propria escalation non riesce. L'ispirazione etica credo sia solo un modello teorico a cui io sono profondamente ispirato e mi duole molto trovarmi immerso in un mondo simile che non riesco ad accettare, pur sapendo che lo dovrei.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento